Analisi Forex 27 novembre 2015



Le piazze asiatiche vivono momenti di forte tensione. La borsa cinese di Shanghai ha perso infatti il 5.48% nella sessione odierna principalmente a causa dello scandalo che ha coinvolto alcuni dei principali broker del paese. Rumors dei giorni scorsi avevano lasciato intendere che si fosse aperta un’inchiesta nei confronti dei due principali broker cinesi. Le istituzioni di Pechino hanno quindi preso provvedimenti decidendo per un ulteriore irrigidimento della regolamentazione: è stata imposta una restrizione sull’impiego di derivati per il trading sul mercato azionario.

cambi-valute

Le tensioni politiche continuano a tenere banco in tutto il mondo. Non si placano, infatti, le tensioni tra Russia e Turchia, mentre si allarga la coalizione contro ISIS. Hollande è molto attivo in questi giorni; ieri ha incontrato Putin ed è riuscito a coinvolgere anche Stati Uniti e Germania.

Segnali di mercato di venerdì 27 novembre

  • Ore 00:30 – in Giappone sono usciti i dati sui consumi delle famiglie (-2,4% contro il precedente –0,4%), l’Indice nazionale dei prezzi al consumo (0,3% contro il precedente 0,0%), il tasso di disoccupazione (3,1% contro il precedente 3,4%)
  • Ore 01:05 – nel Regno Unito è uscito l’Indice GfK della fiducia dei consumatori (1 contro il precedente 2)
  • Ore 08:00 – in Germania sono usciti Indice dei prezzi all’Importazione (-0,3%) e Indice dei prezzi all’Importazione (-4,1%)
  • Ore 08:45 – in Francia è uscito l’IPP (0,2% contro il precedente 0,1%)
  • Ore 09:00 – in Spagna sono usciti IPP (-0,3%), IAPC (-0,4%) e IPC (0,3%)
  • Ore 10:00 – in Italia sono usciti Livello di fiducia delle aziende (104,6 contro il precedente 105,7) e Indice della fiducia dei consumatori italiani (118,4 contro il precedente 117,0)
  • Ore 10:30 – nel Regno Unito è uscito PIL annuale (2,3%) e PIL trimestrale (0,5%)
  • Ore 11:00 – in Europa è uscito il grado di Fiducia dei consumatori (-6,0)
  • Ore 13:00 – in Germania esce Fiducia consumatori GFK cons. 9.2 prec. 9.4



EUR/USD

L’euro si mantiene in un’area tra 1.06 e 1.0650. Pesano sulla giornata l’assenza degli Stati Uniti e la cautela dei mercati in attesa della chiusura di novembre. Rimangono inoltre forti le aspettative per le riunioni di politica monetaria della BCE e della FED previste nel mese di dicembre.

GBP/USD

Il rapporto si attesta in area 1.5080. I dati sul PIL potrebbero creare un aumento della volatilità. La settimana dovrebbe poi chiudersi verso quota 1.51.

USD/JPY

Si è avuto un certo rafforzamento della divisa giapponese che si è portata dai livelli di 122.50 della sessione asiatica, fino a quota 122.20. Sui mercati europei si è quindi portata a quota 122.40.